La digital transformation è resa possibile da un insieme di vettori che supportano il cambiamento: ma il minimo comune denominatore è senza dubbio il software. Il software è ovunque e coinvolge ogni processo della digital transformation, dalle operations interne per arrivare alla distribuzione di prodotti e servizi.

Senza software non esiste la trasformazione digitale delle aziende. Ecco perché vale la pena approfondire la relazione che lega lo sviluppo tecnologico e i requisiti degli applicativi che lo sostengono.

Alla base della trasformazione digitale c'è lo sviluppo del software. Ma come può una lavanderia a gettoni pagare uno stipendio in modo profittevole ad uno sviluppatore di software, per arrivare a creare un sistema di prenotazione e pagamento online? Come possono tante piccole aziende attrarre il talento di cui hanno bisogno, sostenendolo con il fatturato, in un'economia dove tutti questi margini non si vedono? Supponendo che una società di lavanderie a gettoni possa permettersi uno sviluppatore di software a tempo pieno, dovrebbe averne uno? Probabilmente no. Anche una grande azienda automobilistica potrebbe non aver bisogno di assumere troppi sviluppatori con visione innovativa, rispetto a quelli tradizionali che ha all'interno. Spesso, in entrambi i casi, la risposta potrebbe essere l'esternalizzazione a una società di sviluppo software con le competenze necessarie.

Essere un "disrupter digitale" richiede che una società ricorra a tutte le capacità a sua disposizione per arrivare la trasformazione desiderata. Ricordiamo che Uber e AirBNB hanno un fatturato di miliardi di dollari senza possedere una singola auto o un hotel. Sfruttare il talento, la competenza e l'esperienza di un'azienda nel business dello sviluppo del software ha senso... è un connubio tra la capacità delle società di outsourcing e l'opportunità di trasformazione digitale della tua azienda. Ovviamente siamo nel campo del "dipende dal caso" e dal tipo di azienda. Di fatto resta una costante: la trasformazione digitale obbliga tutte le aziende ad intraprendere la strada (a volte breve) dell'uso del software per gestire processi e rapporti con la clientela.

Ci sono 3 livelli nel modo in cui la trasformazione digitale può entrare nelle aziende e, a seconda della profondità, il software tocca ambiti differenti.

Il primo livello è la trasformazione digitale del modello di business.

I leader che fanno da riferimento quando si parla di digital transformation hanno cambiato il modello di erogazione di servizi attraverso l'uso strategico della tecnologia, cambiando le regole del gioco nel loro spazio. Sfortunatamente, per le aziende già trincerate e con una lunga esperienza in un settore, la spinta alla trasformazione del modello di business deriva dalla pressione della concorrenza che cerca di sottrarre loro quote di mercato. 

Il secondo livello è quello della trasformazione digitale della presenza sul mercato.

Il secondo livello nella trasformazione digitale è quello che migliora la presenza di un'azienda sul mercato, grazie alle applicazioni per interagire con i clienti. Il livello è quello delle aziende che lavorano sulla brand awareness, la fedeltà al brand e il posizionamento del marchio.

Il terzo livello è la digital transformation interna.

Il livello più basso è la trasformazione interna, quella che utilizza il software per migliorare i processi interni, le operations e le procedure collegate. Questa trasformazione interna è quella che spinge verso il basso i costi e migliora l'esperienza del cliente con un'attività che viene prima del contatto con il pubblico. 

Trend tecnologici che accompagna la digital transformation

Nello sviluppo e nell'adozione di software e tecnologie, possiamo identificare alcune trend che accompagnano la digital transformation.

1. IoT sopra ad ogni cosa

L'IoT continua a spuntare, ripetutamente, ogni volta che si parla di Industria 4.0, digital transformation o Society 5.0. Questo è il motivo per cui è il primo tra i fattori e trend che stanno guidando la trasformazione digitale delle aziende.

Gartner stima oggi più di 8,4 miliardi di "cose" su Internet, in aumento di oltre il 30% rispetto a un anno fa. Tuttavia, l'IoT da solo è solo l'inizio. Non si tratta tanto delle cose, ma piuttosto di ciò che facciamo con queste cose una volta che sono connesse e ci forniscono dati. Tre delle principali tendenze sono la rivoluzione dell'analisi del dato, il calcolo delle marginalità e l'elaborazione delle celle 5G; e sono tutte guidate dall'IoT. 

2. Analisi 

Diventa un Digital Leader iscriviti all'associazione!

L'enorme quantità di informazioni create dall'IoT ha il potere di rivoluzionare tutto, dalla produzione e all'assistenza sanitaria, per arrivare al funzionamento di intere città, consentendo ad ogni cosa di lavorare in modo più efficiente e redditizio che mai. Una società, ad esempio, ha scoperto di essere in grado di ridurre i costi di gestione della propria flotta di 180.000 camion da 15 centesimi al miglio a soli 3 centesimi.

Lo stesso tipo di efficienza può essere esercitata in quasi tutti i settori, dalla vendita al dettaglio all'urbanistica. Giganti della tecnologia come Microsoft, IBM, SAS e SAP stanno investendo molto sull'analisi del dato, poiché stanno vedendo la potenza di questa combinazione per arrivare a nuove conoscenze sul business, con ripercussioni su una vasta gamma di settori e applicazioni. 

3-  Edge Computing 

L'edge computing (in lingua italiana elaborazione al margine) si indica l'elaborazione delle informazioni ai margini della rete, dove i dati vengono prodotti. Se pensi di esserti già spinto al limite quando si tratta di trasformazione digitale, attenzione: non hai ancora visto nulla. Proprio quando molte aziende stanno finalmente cominciando a muoversi verso il cloud computing, l'edge computing - guidato dal volume e dalla velocità delle informazioni prodotte dall'IoT - sta scalando la scena del business. Leader del settore come Cisco e HPE hanno fatto enormi scommesse su hardware, software e servizi su questo trend, a convalidare questa tendenza. Poiché i droni intelligenti, i veicoli autonomi e altri dispositivi intelligenti basati su AI cercano di connettersi e comunicare istantaneamente tramite l'IoT, la questione dell'invio dei dati "fino in fondo", per arrivare al cloud, diventerà spesso, in moltissime situazioni, poco pratica. Molti di questi dispositivi richiedono una risposta e un'elaborazione in tempo reale, rendendo l'edge computing l'unica opzione praticabile. 
Anche se edge continuerà ad essere la scelta ideale per l'elaborazione dei dati in tempo reale, è probabile che i dati più importanti e rilevanti continueranno a occuparsi di cloud-ward.

4- Il 5G

Il wireless di quinta generazione, o 5G, è l'ultima iterazione della tecnologia cellulare, progettata per aumentare notevolmente la velocità e la reattività delle reti wireless. Con 5G, i dati trasmessi su connessioni a banda larga wireless possono viaggiare a velocità fino a 20 Gbps, secondo alcune stime - superando le velocità della rete fissa - e offrono una latenza di 1 ms o inferiore per gli usi che richiedono feedback in tempo reale. 5G consentirà anche un forte aumento della quantità di dati trasmessi su sistemi wireless grazie alla maggiore larghezza di banda disponibile e della tecnologia avanzata dell'antenna.

Oltre ai miglioramenti in termini di velocità, capacità e latenza, 5G offre funzionalità di gestione della rete, tra cui la segmentazione della stessa, consentendo agli operatori mobile di creare più reti virtuali all'interno di una singola rete fisica 5G. Questa funzionalità consentirà alle connessioni di rete wireless di supportare usi specifici o reti aziendali e potrebbe essere venduta su base as-a-service. Un'auto che si guida da sola, per esempio, richiederebbe una sezione di rete che offra connessioni estremamente veloci e a bassa latenza, in modo che un veicolo possa navigare in tempo reale. Un elettrodomestico, tuttavia, potrebbe essere collegato tramite una connessione a potenza più bassa, più lenta perché le alte prestazioni non sono cruciali. L'Internet of Things (IoT) potrebbe utilizzare connessioni sicure, solo dati.

I network e i servizi 5G verranno implementati per fasi nei prossimi anni per soddisfare la crescente dipendenza dai dispositivi mobili e abilitati a Internet. Complessivamente, il 5G dovrebbe generare una varietà di nuove applicazioni, usi e casi aziendali man mano che la tecnologia viene implementata.

Proprio come la quantità di dati prodotti dall'IoT porterà al limite il trattamento del dato, travalicandolo e portandoci su nuovi scenari, il 5G costringerà anche i provider mobile a muoversi più velocemente che mai. Il livello di iper-connettività previsto dagli utenti oggi lascia poco spazio ad altre strade, se non quella del 5G. Il passaggio al 5G non avverrà da un giorno all'altro, e probabilmente sarà a zone, con grande macchie e zone d'ombra, con un'adozione irregolare, anche se abbastanza veloce. Quest'anno stiamo assistendo a Gigabit LTE (il trampolino di lancio tra l'attuale LTE e il 5G) che fa passi da gigante con i dispositivi mobile, con Samsung e Sony in prima linea. Oggi gran parte del movimento Gigabit LTE è alimentato dalla tecnologia Qualcomm Snapdragon, ma altri cercheranno sicuramente di entrare in questo mercato in rapida crescita per gli smartphone.

 

Scarica Check-list per la digital transformation (per manager nel privato e nel publico)

 

5- Blockchain 

La blockchain è un'invenzione innegabilmente geniale, il frutto dell'ingegno di una persona o di un gruppo di persone, dietro allo pseudonimo Satoshi Nakamoto. Ma da allora, si è evoluto in qualcosa di più grande, e la domanda che molti si pongono è: che cos'è Blockchain?

Consentendo alle informazioni digitali di essere distribuite ma non copiate, la tecnologia blockchain ha creato la spina dorsale di un nuovo tipo di Internet. Originariamente concepito per la valuta digitale, i primi Bitcoin (Buy Bitcoin), la comunità tecnologica sta ora trovando altri potenziali usi per la tecnologia.

Le informazioni contenute in un blockchain esistono come un database condiviso e continuamente riconciliato. Il database blockchain non è memorizzato in nessuna singola posizione, il che significa che i record che mantiene sono veramente pubblici e facilmente verificabili. Nessuna versione centralizzata di queste informazioni esiste e quindi un hacker non può manipolarla. Ospitato da milioni di computer contemporaneamente, i suoi dati sono accessibili da chiunque su Internet.

William Mougayar, un esperto e un imprenditore digitale, lo spiega con un parallelismo con Google Documents: ""Il modo tradizionale di condividere documenti su cui lavorare in più persone,  è  quello di inviare un documento di Microsoft Word a un altro destinatario e chiedere a questo di revisionarlo. Il problema con questo metodo è che è necessario attendere fino a quando non si riceve una copia da chi lo sta modificando,  prima di poter vedere o apportare altre modifiche: si è bloccati fino a quando l'altra persona non ha finito con il documento. Ecco come funzionano i database oggi. Due proprietari non possono incasellare lo stesso record in una sola volta. Ecco come le banche mantengono i saldi e gestiscono i trasferimenti di denaro: bloccano brevemente l'accesso (o diminuiscono il saldo) mentre effettuano un trasferimento, quindi aggiornano dall'altro lato e riaprono l'accesso (o aggiornano di nuovo). Con Google Documenti (o Fogli Google), entrambe le parti hanno accesso allo stesso documento nello stesso tempo e la singola versione di quel documento è sempre visibile  e modificabile da entrambi. È come un libro mastro condiviso, ma è un documento condiviso. La parte distribuita entra in gioco quando la condivisione coinvolge più persone. Immagina il numero di documenti legali che potrebbero essere usati in questo modo. Invece di passarseli a vicenda, perdere la traccia delle versioni e non essere sincronizzati, perché non è possibile che * tutti * i documenti aziendali siano condivisi, anziché trasferiti da una persona all'altra? Ci sono così tanti tipi di contratti legali che potrebbero trovare la soluzione ideale per questo tipo di flusso di lavoro. Non hai bisogno di una blockchain per condividere documenti, ma l'analogia dei documenti condivisi è molto utile. "

Mentre il cugino famoso, il Bitcoin, continua a far ammattire gli analisti del mercato azionario, Blockchain potrebbe finalmente trovare un posto nel giro di un paio di anni. Gartner ha spiegato che nel febbraio del 2018, blockchain era il secondo più cercato sul suo sito web, una ricerca aumentata del 400% in soli 12 mesi . Non è una sorpresa, per chi di digital ci vive. Mentre il settore finanziario sarà il primo a iniziare a utilizzare questo straordinario strumento, molti altri - dall'assistenza sanitaria all'entertainment, per arrivare all'hospitality - seguiranno a ruota. Anche qui, il passaggio alla blockchain non arriverà da un giorno all'altro - ci sono stime che indicano che solo il 20% della finanza commerciale a livello mondiale lo utilizzerà entro il 2020.

6 - AI, l'Intelligenza Artificiale

L'AI (intelligenza artificiale) è la simulazione dei processi di intelligenza umana da parte delle macchine, in particolare dei sistemi informatici. Questi processi includono l'apprendimento (l'acquisizione di informazioni e regole per l'utilizzo delle informazioni), il ragionamento (usando le regole per raggiungere conclusioni approssimative o definite a monte) e l'autocorrezione. Particolari applicazioni dell'AI includono cose come il riconoscimento vocale e visione artificiale (l'abilità dei computer di "vedere" e riconoscere quello che hanno di fronte alla telecamera).

L'intelligenza artificiale può essere suddivisa in diversi modi, ma uno abbastanza semplice potrebbe essere questo, che   classifica i sistemi di AI come AI debole o AI forte. L'AI debole, nota anche comeAI ristretta, è un sistema AI progettato e addestrato per un particolare compito. Gli assistenti personali virtuali, come la Siri della Apple, sono una forma di AI debole.
L'intelligenza artificiale forte, nota anche come intelligenza artificiale generale, è un sistema di intelligenza artificiale con abilità cognitive umane generalizzate, in modo che quando viene presentato con un'attività non familiare, ha abbastanza intelligenza per trovare una soluzione e andare "fuori" da quello già impostato. Il test di Turing, sviluppato dal matematico Alan Turing nel 1950, è un metodo utilizzato per determinare se un computer può effettivamente pensare come un essere umano, sebbene il metodo sia controverso.

Con tutte le persone, dai più piccoli agli anziani che usano Alexa, Siri e i chatbot del servizio clienti, non c'è da stupirsi che l'AI possa essere considerata presto già una "notizia vecchia". Dal punto di vista commerciale, tuttavia, rimane molto ancora da usare con l'intelligenza artificiale, sotto moltissimi aspetti, dal servizio clienti, alla robotica, dall'analisi e al marketing. Le aziende continueranno a utilizzare l'intelligenza artificiale per sorprendere, connettersi e comunicare con i propri clienti in modi che potrebbero persino non apprezzare o non comprendere realizzare. Ciò porta ad un'automazione più veloce, più economica e più intelligente di tutto quello che usiamo, dalle e-mail per arrivare alla generazione di contenuti e alla produzione industriale.

Accelerare la digital transformation con l'adozione del software

L'adozione del software e la trasformazione digitale stanno lentamente diventando le parole d'ordine del management di ogni azienda e sembra che tutti ne stiano parlando. Si susseguono le presentazione alla C-suite su come aggiornare i processi e le operazioni interne, per spiegare loro come è possibile semplificare l'adozione del software e guidare con successo la digitalizzazione all'interno della propria azienda.
Per l'87% delle imprese, la trasformazione digitale rappresenta la massima priorità e i principali vantaggi connessi alla digitalizzazione sono già chiari ai manager. Sebbene la tabella di marcia che porta alla digital transformation sia già stata elaborata per almeno il 26% di queste imprese, il viaggio è pieno di ostacoli che rallentano il processo.
Ecco perché solo il 10% delle aziende in tutto il mondo si dichiara completamente digitale.

Molte aziende devono ancora far fronte alla gestione del cambiamento e per molte aziende il principale problema associato alla digitalizzazione è il sentimento negativo dominante e la resilienza al cambiamento. Di solito, il cambiamento dovrebbe iniziare dal basso per funzionare.
La trasformazione digitale è un cambiamento nella strategia aziendale che influenza ogni aspetto dell'azienda. In particolare, la strategia è legata ai cambiamenti nella mentalità della gestione e nella portata delle attività operative e non, che mirano a creare un'esperienza impeccabile per il cliente.

L'attuale scenario sull'innovazione tecnologica prepara il terreno per un mercato iper-competitivo in cui i clienti sono pienamente informati.
I clienti dell'era digitale si aspettano transazioni senza attrito con un'esperienza cliente impeccabile, personalizzata e multicanale. Prodotti e servizi sono ora consumati ed utilizzati ovunque e in qualsiasi momento. La velocità della transazione, la comunicazione senza interruzioni e un servizio clienti straordinario diventano elementi obbligatori di una moderna strategia competitiva. Questo fa emergere il primo problema che le aziende incontreranno: fare in modo che questa nuova mentalità centrata sul cliente sia abbracciata dal management. Il secondo problema è poi assicurarsi che ogni dipartimento sia allineato a questo nuovo ambito di azione e di pensiero. Infine, è il momento di istituzionalizzare il processo e implementare l'intera strategia direttamente nei processi di ogni singolo dipartimento.

Tuttavia, la resistenza al cambiamento, spesso, si verifica a livello microscopico, quando i dipendenti non sentono l'impulso di allontanarsi dai processi familiari e non hanno abbastanza incentivi per adattarsi e imparare come affrontare un insieme completamente diverso di flussi e strumenti.

Come detto molte volte, la digitalizzazione è principalmente un cambiamento di mentalità, ma per affrontare le sfide legate alla creazione di un'esperienza cliente eccezionale, le aziende devono introdurre molti nuovi processi e strumenti. In particolare, le aziende devono implementare diverse soluzioni software per raccogliere dati per personalizzare il percorso del cliente per i propri clienti.

L'intimità con il cliente diventa un imperativo e, per ottenerla, le aziende devono raccogliere dati nelle diverse fasi del percorso del cliente. Con questi dati possono analizzare e capire meglio le esigenze delle persone. Velocità e personalizzazione stanno trasformando le operazioni in ogni reparto, anche grazie all'arrivo in azienda dell'Intelligenza Artificiale e del Machine Learning. Le operations sono più mirate, più in focus, più complesse e più veloci. Inoltre, i processi decisionali dei digital leader sono completamente guidati dai dati.
Ciò richiede alle aziende di diventare estremamente agili e introdurre una quantità impressionante di nuovo software, per creare un ecosistema che consenta la trasformazione con integrazioni e la centralizzazione dei dati.

Uno dei principali problemi che affligge il 52% delle aziende è legato a problemi di legacy, sistemi obsoleti, ancorati a metodologie e a tecniche del passato, che difficilmente si possono integrare con le nuove strategie.
Nello specifico, i dipendenti sono spesso molto riluttanti ad abbandonare il software usato per anni, applicazioni che trovano familiari e diventa un ostacolo mentale che deve superare l'abitudine, mettersi ad imparare come funzionano nuovi sistemi. Devono inoltre occuparsi di frequenti aggiornamenti nell'interfaccia utente (UI), che sono collegati ai cicli rapidi delle applicazioni SaaS e alle loro nuove versioni a ritmi incalzanti.

I requisiti aziendali cambiano continuamente e il software si adatta rapidamente alle esigenze in evoluzione dei consumatori. Ciò quindi costringe le aziende a formare ciclicamente, piuttosto che riqualificare, i propri dipendenti su una pila di software in crescita e con processi continuamente rivisti.

L'assunzione di nuovi membri del personale diventa impegnativa, oltre al continua formazione del personale esistente, sia per i costi diretti elevati (collegati alle sessioni di formazione), sia per i costi indiretti (mancanza di produttività dovuta al tempo di attesa).

I corsi per la formazione software spesso presentano problemi legati alla curva di apprendimento e il fatto che tendiamo a dimenticare rapidamente gran parte delle informazioni che assorbiamo in una singola sessione.


In definitiva, le aziende devono investire in materiale di formazione (come manuali o esercitazioni video) che è costoso da produrre e da mantenere (poiché deve essere aggiornato con ogni nuova versione del software).

Le caratteristiche del software adatto per supportare la digital transformation

Le aziende di questa nuova era, quando diventano digital, sono digital nel vero significato della parola. Sono caratterizzati dall'intrinseca capacità di connessione tra le API, fanno affidamento sull'analisi e sull'intelligenza artificiale, prosperano sulla potenza del software per raggiungere il mercato... e lo fanno ad velocità senza precedenti. Tuttavia, detto questo, il loro successo è un risultato diretto della capacità di sfruttare la qualità e la velocità delle soluzioni che adottano.

Tuttavia, poiché il mondo continua ad essere guidato da software sempre più smart, possiamo dire che un buon software può aiutarti a condurre una vita migliore, mentre un cattivo software ti rovina ogni giornata.

La qualità del software, diventa un fattore di abilitazione aziendale, differenziatore e acceleratore di business, e costituisce una parte fondamentale nell'agenda della sala riunioni. Di conseguenza, le grandi aziende multinazionali e i manager delle società di tecnologia, si assicurano investimenti costanti per garantire l'impatto della qualità del software, poiché accelera la capacità dell'azienda di fare business, presentarsi sul mercato e di risponderne alle sollecitazioni.

Quindi, per accelerare la leadership di mercato nell'era digitale, è fondamentale, per un'azienda, fornire una qualità del software impeccabile per ottimizzare la customer experience e tenere alto il ritmo e la soddisfazione delle operations interne.

La vera integrazione tra i team di sviluppo e operations offre un'accelerazione immediatamente visibile nei flussi di lavoro e produttività interna, mentre l'ingegnerizzazione del software di qualità attraverso test continui, assicura la leadership di mercato. Questo fenomeno, chiamato "DevTestOps", è una raccomandazione che i principali analisti e ricercatori stanno ripetendo da tempo, per spronare le aziende verso la ricerca continua del software perfetto, capace di promuovere le imprese e dare una risposta senza precedenti al cliente.

L'approccio all'ingegneria software di qualità nella digital transformation, è un risultato diretto del comportamento delle applicazioni software adottate dalle aziende. Il business di quest'epoca richiede test di nuova generazione. Riuscire in un'ingegneria software di qualità significa soddisfare alcuni  parametri essenziali.

1) Velocità

Gli aggiornamenti e le nuove funzioni devono essere consegnate con grande velocità per soddisfare le esigenze di rilascio; parliamo di giorni di ore, contro le settimane e i mesi del passato. Con la metodologia Agile, adottata da quasi tutte le aziende del settore IT, le aziende di tutto il mondo puntano alla velocità e al miglioramento continuo. Con build frequenti e consegne più veloci, le aziende stanno assistendo a un significativo aumento della produttività dei team di sviluppo software e della soddisfazione del cliente nella sua esperienza di interazione.

2) Qualità

La qualità del software è la pietra angolare della "durata" delle applicazioni e ha un impatto ampio su diversi elementi critici delle aziende. Oggi la qualità del software è un requisito e non un'eccezione. I clienti sono molto chiari quando esprimono la loro insoddisfazione sui prodotti software, in particolare sulle piattaforme che vengono utilizzate online. Recensioni negative potrebbero costare alle imprese milioni di euro di fatturato e potrebbero offuscare la reputazione del brand.

La qualità del software favorisce la prevedibilità del comportamento e rende più facile programmare aggiornamenti e sviluppi futuri. Quando è fatto bene la prima volta, ci sarà meno lavoro richiesto, minori variazioni nella produttività e le prestazioni saranno inevitabilmente migliori. C'è una crescente domanda di usabilità da parte degli utilizzatori del software e vengono richieste sempre nuove funzionalità per i prodotti considerati tecnologicamente avanzati. Mentre è difficile misurare la qualità attraverso le metriche oggettive, si può utilizzare come parametro, per esempio la soddisfazione del cliente. Le applicazioni che soddisfano e superano le aspettative dei clienti sono i fattori determinanti per la trasformazione del business.

3) Affidabilità

Con l'emergere e la diffusione di qualsiasi tipo di dispositivi elettronici e piattaforme digitali, il software è stato da spina dorsale della rivoluzione digitale. Poiché il software è un elemento interno di un dispositivo e poiché gli aggiornamenti possono spesso essere ricevuti in tempo reale e tramite cloud, i clienti si aspettano che il software sia sempre affidabile e sempre disponibile.

Le interruzioni nel servizio erogato tramite il software causano il caos e la perdita di fatturato per le aziende. Per questo motivo, l'affidabilità è una delle regole più importanti quando si parla dello sviluppo software. Testare un software sul versante dell'affidabilità, prima che venga distribuito sul mercato, può far risparmiare all'organizzazione che lo distribuisce un sacco di tempo e denaro.

Le applicazioni affidabili al 100% e che possono essere distribuite sul desktop, via web, mobile o SaaS sono quello a cui mira ogni azienda. In particolare, l'affidabilità di un'applicazione gestita in Cloud è un fattore critico da considerare, in quanto l'industria si sta spostando su soluzioni SaaS per la digital transformation.

4) Robustezza

I clienti oggi desiderano - pretendono - che le applicazioni vengano consegnate velocemente e siano da subito affidabili. La robustezza e la qualità del software sono quindi indispensabili in un'epoca in cui un'applicazione non funzionante può causare una perdita di opportunità e mettere a dura prova la credibilità di un brand. Questo porta alla necessità di test continui sul software.

Il codice robusto è un codice di qualità, che consente di risparmiare tempo e fatica quando si implementa e si aggiorna. Consente alle modifiche di essere un processo semplice, in quanto i fattori esterni non influiscono sul comportamento del codice. La robustezza del codice significa anche meno bug e un'integrazione migliore. Le applicazioni robuste sono prive di difetti e sono veramente implementabili in moltissimi ambiti critici, che vanno dalla finanza all'assistenza sanitaria, dall'assicurazione alla vendita al dettaglio, dall'energia ai trasporti...
Le applicazioni robuste permettono di creare un'impresa intelligente, alimentata dall'AI e dall'apprendimento automatico.

5) Sicurezza

Le applicazioni affidabili rispettano le esigenze di un'azienda moderna. Le applicazioni sicure sono un must assoluto. Le aziende, i gadget, i dispositivi e i sensori collegati stanno governando sempre più IoT e non è permesso ad un software di non essere sempre super-affidabile nel passaggio dei dati, così come nella loro salvaguardia.

L'aumento della digitalizzazione spinta in ogni ambito, ha portato anche  l'aumento degli attacchi informatici, e nessuna azienda è immune dalle violazioni dei dati. Nonostante ciò, molte organizzazioni non riescono ancora - o sempre - a condurre test di sicurezza, nonostante credano che sia di fondamentale importanza proteggere i propri sistemi e dati. Mentre la maggior parte delle organizzazioni riconosce che i test di sicurezza sono una valida best practice, non sono sufficientemente proattivi in questa implementazione.

6) Scalabilità

La scalabilità generalmente significa avere la capacità di aumentare o ridurre le risorse in base alla domanda del mercato o alle necessità dei clienti. Nel mondo digitale odierno, significa anche la capacità di fornire l'IT e il software richiesti in base alle esigenze aziendali. È essenziale che le aziende possano muoversi rapidamente e consegnare rapidamente, senza sostenere costi che potrebbero poi protrarsi nel tempo, oltre alle reali necessità.

Le applicazioni moderne devono essere veramente scalabili per essere in grado di soddisfare la crescita esponenziale del traffico degli utenti. Le applicazioni scalabili sono anche un must per la crescita elastica che permette il cloud computing, rendendo i carichi di lavoro estremamente dinamici, con possibilità di variazione in tempo reale. L'ingegneria delle prestazioni è la chiave.

7) Orchestrazione

L'economia delle API richiede una perfetta organizzazione dell'applicativo che deve essere in grado di rendersi disponibile in real time per lo scambio di informazioni con altri software. Le applicazioni aziendali integrate di oggi impongono che il software garantisca l'orchestrazione delle informazioni trasparente. Un'API che funziona male può causare milioni di euro di perdite. Quindi, la verifica dei servizi Web è un must. Le capacità di orchestrazione automatizzata sono la via da seguire.
Le API e i connettori tra i sistemi sono uno dei fattori chiave per  lo sviluppo delle opportunità, tra Mobile, IoT e AI.

8) Compatibilità

Interoperabilità dei sistemi significa la capacità di più software di lavorare l'uno con l'altro. Raggiungere l'interoperabilità significa essenzialmente essere in grado di sviluppare e fornire applicazioni interconnesse tra di loro e con l'Internet of Things. A livello di dispositivo, l'aggiunta continua di dispositivi IoT avanzati e la loro interoperabilità con quelli preesistenti, anche eterogenei, consentirà una rapida crescita degli ecosistemi degli oggetti intelligenti.
L'eterogeneità sempre più complessa del panorama applicativo è sempre stata una costante nella crescita dell'industria del software. Le applicazioni software del futuro, quindi, devono essere compatibili tra di loro e con sistemi passati e questa compatibilità di ambienti e piattaforme deve essere raggiungibile con un semplice clic. 

9) Usabilità

L'usabilità delle applicazioni ha a che fare con il momento in cui gli utenti finali devono utilizzare le applicazioni. L'interfaccia dovrebbe essere estremamente amichevole e dovrebbe incoraggiare l'utente a esplorare le funzionalità dell'applicazione. Le organizzazioni che cercano di migliorare l'usabilità delle applicazioni devono specificamente prendere in considerazione il test dei dispositivi in base alla domanda del mercato e al tipo di pubblico a cui si rivolgono.
Le applicazioni che possono essere utilizzate in modo facile e completo dal cliente sono quelle che godranno di un tasso di adozione maggiore e un tasso di abbandono minore. 

 

Scarica checklist gratuita per la digital transformation